il buio, i passi, la luna 8

il buio, i passi, la luna 8

2.011 10

lucy franco


Community Manager

il buio, i passi, la luna 8

venezia


mano libera, senza flash

Kommentare 10

  • Dragomir Vukovic 24. August 2011, 9:38

    ^^^
  • Guglielmo Rispoli 16. April 2011, 19:10

    bellissima
    intima e interiore
    mi piace
    ciaoGug
  • Eduardo Castillo - EDUARDO 5 15. März 2011, 11:46

    Bellezza e mistero insieme. Sembra un opera di strada. meravigliosa atmosfera tra le luci fantastico, la creazione di un cielo stesso. Saludos
  • Francesco Liberti 15. März 2011, 0:13

    O---------------------K
  • Ambra Menichini 14. März 2011, 17:38

    .............inquietante............e le "tue" ammaliano di ombre................

    +++++++++

    A & G
  • Angelo Berlendis 13. März 2011, 21:47

    La poesia dopo il fragore: quella dei margini, quella dei solitari, quella della notte, quella del pensiero (!!!)...spargi riflessione e sapiente bellezza. Colgo a piene mani il tuo fiume di emozioni.
    Angelo
  • gino lombardi 13. März 2011, 20:31

    Indossare una maschera per non essere riconosciuti e poter essere liberi dalle strettoie delle convenzioni sociali: questo è certamente il lato palese del carnevale, ma ce ne potrebbe essere un altro, un lato oscuro: la maschera come mezzo per esternare le ataviche paure dell’uomo nel tentativo di esorcizzarle. Ed è proprio il lato oscuro che appare – in diversi modi e in diverse forme – da queste immagini, quasi per rivelare un’altra verità, quella nascosta dietro una maschera.

    Gino
  • Paride Pierini 13. März 2011, 19:07

    Scelgo questa dopo essermi gustato la serie.... interpretazione molto bella e originale !!!
  • Martina Sandrini 13. März 2011, 18:16

    Uno dei travestimenti più comuni nel Carnevale antico, soprattutto a partire dal XVIII secolo, rimasto in voga ed indossato anche nel Carnevale moderno, è sicuramente la Bauta. Questa figura, perfettamente ripresa nella tua immagine, e' prettamente veneziana e veniva indossata sia dagli uomini che dalle donne, è costituita da una particolare maschera bianca denominata larva sotto ad un tricorno nero e completata da un avvolgente mantello scuro chiamato tabarro. La bauta era utilizzata diffusamente durante il periodo del Carnevale, ma anche a teatro, in altre feste, negli incontri galanti ed ogni qualvolta si desiderasse la libertà di corteggiare od essere corteggiati, garantendosi reciprocamente il totale anonimato. Questa sensazione di segretazza ed anonimato pervede dalla tua immagine. Eccellente, Martina
  • Rosalba Crosilla 13. März 2011, 17:38

    Vista tutta la serie, ed ora parlo.
    Ottimo il palcoscenico che Venezia ti ha prestato: un mondo estremo, assurdo, fondato sull'instabilità dell'acqua. Ottimi i personaggi carmevaleschi, le loro maschere che, impersonando, spersonalizzano.
    Ma il "dramma" (nel senso stretto di "azione") che metti in scena con Venezia ed il Carnevale non c'entra nulla: io vedo l'uomo sospeso in un istante tra realtà e finzione nel quale l'inconscio parla a voce piena. Il contrasto tra Luce e Buio, potenti entrambi, tra svelarsi e celarsi è il Linguaggio.
    Non so se ho letto giusto, ma anche se non c'entra nulla con il tuo pensiero, grazie per avermi raccontato tutto questo.

Schlagwörter

Informationen

Sektion
Ordner serie
Views 2.011
Veröffentlicht
Sprache
Lizenz

Exif

Kamera NIKON D300S
Objektiv ---
Blende 7.1
Belichtungszeit 1/60
Brennweite 52.0 mm
ISO 3200